mercoledì, dicembre 19, 2018
Home > I FATTI DEL GIORNO > “Jova Pop Shop”, il ricavato per aiutare tre Onlus siciliane

“Jova Pop Shop”, il ricavato per aiutare tre Onlus siciliane

Ha aperto i battenti alla mezzanotte di venerdì 1 dicembre il “Jova Pop Shop”, temporary negozio di Lorenzo Cherubini, visitabile fino al 10 dicembre in piazza Gae Aulenti a Milano. L’iniziativa giunge in concomitanza con l’uscita del nuovo album, “Oh Vita!”, Jovanotti lo ha descritto così: “Uno spazio, un negozio, un ritrovo, un social club, un laboratorio, una sala da ballo clandestina, uno spaccio di figate”.
Il nome, Lorenzo, l’ha scelto in onore del leggendario “Pop Shop” di New York aperto da Keith Haring negli anni Ottanta. La prima volta che Jovanotti è andato nella Grande Mela quel negozio fu la sua prima tappa e la maglietta che comprò lì la possiede e la indossa ancora.
Il Jova Pop Shop da giorni è invaso da fan e curiosi, al suo interno si vende “Oh, vita!” in CD, vinile e musicassetta, “Sbam!” il diario di viaggio di Jovanotti e poi merchandising e alcuni oggetti in tiratura limitata a prezzi speciali. L’intero incasso sarà devoluto a quattro associazioni di cui 3 siciliane.
LAD Onlus per WonderLAD, la casa realizzata a Catania dove i bambini con malattie gravi, insieme alle loro famiglie, sperimenteranno varie forme d’arte e creatività. 
La Casa di Toti, Onlus per il primo “Albergo Etico” in Sicilia, a Modica, una Comunità Residenziale destinata a 7 ragazzi con disabilità, dai 18 ai 30 anni, dove verrà fatta conciliare inclusione sociale e occupazionale.
La Onlus Sos-PrimoSoccorsoCanieGatti nata per soccorrere i randagi ritrovati per le vie di Palermo o tolti ai maltrattamenti, il rifugio è attualmente sotto sfratto. 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: