lunedì, dicembre 17, 2018
Home > Cronaca > Arrestate 2 persone a Palermo per peculato e falso

Arrestate 2 persone a Palermo per peculato e falso

I finanzieri del Nucleo di Polizia Tributaria di Palermo hanno eseguito un’ordinanza del G.I.P. del locale Tribunale, traendo in arresto 2 persone per i reati di peculato e falso.

In particolare, il GIP del Tribunale palermitano ha disposto gli arresti domiciliari nei confronti di Luca NIVARRA, professore ordinario di diritto privato presso l’Università degli Studi di Palermo e Fabrizio MORABITO, avvocato, nonché il sequestro preventivo di disponibilità finanziarie e patrimoniali per un ammontare complessivo di circa 160.000 euro.

L’attività investigativa della Procura e delle Fiamme Gialle è scaturita dagli esiti di una consulenza tecnica d’ufficio, disposta dal Tribunale Civile di Palermo, nell’ambito di un procedimento promosso dagli eredi di una persona defunta.

Dopo la morte di quest’ultima, risalente all’anno 2004, il Tribunale di Palermo aveva nominato Luca NIVARRA amministratore provvisorio di un ingente patrimonio immobiliare che il defunto, con testamento pubblico, aveva destinato alla costituzione di una fondazione a suo nome.

Nell’espletamento del suo incarico, il NIVARRA è stato dapprima coadiuvato e successivamente (nel marzo 2014) sostituito dall’avv. Fabrizio MORABITO.

Nel settembre del 2014, il Tribunale civile di Palermo ha annullato il testamento pubblico del decuius, per incapacità di intendere e di volere del testatore, disponendo la devoluzione del patrimonio ai legittimi eredi.

Dalle indagini eseguite, è emerso che NIVARRA e MORABITO, in relazione al loro incarico di amministratori giudiziari dei beni facenti parte dell’eredità, e, quindi, pubblici ufficiali nell’esercizio delle proprie funzioni, si sono appropriati di consistenti somme di denaro derivanti dagli incassi dei canoni di locazione de gli immobili dell’amministrazione provvisoria, di cui avevano la disponibilità in ragione del loro ufficio.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: