domenica, giugno 16, 2019
Home > Tex Willer > Tex Willer incontra la Donna Guerriera, al GAM performance d’arte tra moda e spettacolo

Tex Willer incontra la Donna Guerriera, al GAM performance d’arte tra moda e spettacolo

“Le donne guerriere”, Liliana Nigro omaggia la forza delle donne con una performance d’arte realizzata all’interno della mostra “Tex Willer, 70 anni sotto il vulcano” presso i locali del Gam di Catania (via Castello Ursino, 26) sabato 16 febbraio ore 19.00

Il Far West è un luogo da uomini, pistoleri, banditi, cowboy, ranger, figure tipicamente maschili che da sempre hanno affascinato i ragazzi di ogni età. Il “sesso debole” in quel mondo sembra quasi assente, relegato a semplici figure di madri, mogli o signorine succinte dei saloon. Eppure la donna nel selvaggio west era colei che educava, badava alla casa, alla famiglia, alle proprietà, era centro di tutta la struttura sociale, ma in quanto “femmina” veniva sempre sminuita rendendola un fantasma all’interno della storia di quegli anni, e di molti altri a venire. Basta ricordare qualche nome come  Calamity Jane, Belle Starr, Cattle Kate, Lola Montez, Ann Eliza Young, Etta Place, per capire quanto le donne abbiano da sempre tracciato solchi nella storia, ciascuna a proprio modo, hanno sostenuto l’uguaglianza sociale e la libertà sessuale e i diritti di tutti gli esseri umani.

Proprio per celebrare la Donna nella sua meravigliosa essenza e forza, sabato 16 febbraio alle ore 19.00 presso i locali del GAM (galleria arte moderna) di Catania, all’interno della mostra “Tex Willer, 70 anni sotto il vulcano”, si terrà un evento esclusivo, “Le donne guerriere” una performance d’arte realizzata da Liliana Nigro, docente dell’Accademia di Belle Arti e nome noto nel mondo della cultura, per festeggiare il compleanno dell’eroe più longevo e famoso dei fumetti, icona della cultura pop italiana.

«Saranno 14 le creazioni realizzate dagli allievi della cattedra di Storia del Costume per lo Spettacolo dell’Accademia di Belle Arti di Catania e dai talentuosi stilisti della Maison Du Cochon – spiega Liliana Nigro reduce dalla trionfale manifestazione evento Magnificat dedicata a Sant’Agata -, che attraverso stoffe e materiali innovativi daranno voce a tutte quelle donne che quotidianamente combattono per affermare i propri diritti e la loro indipendenza». Ed ancora aggiunge: «La performance d’arte e di cultura sarà arricchita dalla presenza di Ferdinando Barra, Maestro di Arti Marziali e Presidente della scuola Ninja Shin Fuu Ryu Italia, per sostenere la causa contro la violenza di genere e promuovere la forza di tutte quelle donne che, quotidianamente, combattono come guerriere contro gli abusi e le differenze sociali».

La mostra “Tex Willer, 70 anni sotto il vulcano” racconta un mito che vive proprio in quel selvaggio West e che ha amato una sola donna sua moglie Lilyth. Il ranger sposa quindi un’indiana diventando capo di una tribù Navajo con il nome di Aquila della Notte, questo connota ancora di più la sua figura di eroe positivo, Tex ha sempre difeso i più deboli senza creare distinzioni di sesso, razza o religione.

L’evento si aggiunge ai tanti già realizzati durante la permanenza della mostra di Tex all’interno degli spazi comunali del GAM. Ricordiamo l’appuntamento dedicato ai bambini “Sabato mattina con Tex” grazie alle associazioni culturali Ginimagi e Nati per leggere, i piccoli visitatori imparano l’arte e la lettura, giocando. Lo scopo di questi incontri, ideati dagli organizzatori dell’associazione culturale Leaf, è quello di coinvolgere i visitatori facendogli vivere l’arte come un percorso plurifunzionale nato dalla sinergia tra realtà e fantasia, creando così diverse connessioni e declinando l’arte stessa in tutte le sue affascinanti sfaccettature così da unire la sua forte espressione estetica al concetto di conoscenza.

La mostra “Tex Willer, 70 anni sotto il vulcano”, realizzata grazie alla collezione privata del curatore Matteo Belfiore, presenta oltre 40 opere tra disegni originali, stampe, tabelloni e quadri sinottici e sarà visitabile fino al 9 marzo al GAM (via castello ursino, 26 – Catania).

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: