mercoledì, dicembre 19, 2018
Home > Arte > “Rebus in Fabula”, da Toni Pellegrino l’enigmatica arte di Michelangelo Jr Gandini

“Rebus in Fabula”, da Toni Pellegrino l’enigmatica arte di Michelangelo Jr Gandini

In un atelier in cui arte, bellezza e moda segnano la rotta dell’evoluzione, le tele e i colori di un artista creano “Rebus in Fabula” un’estemporanea in cui il racconto della quotidianità, traccia la rotta verso paesaggi mentali tutti da scoprire. 

Una mostra nata dall’incontro tra l’hairstylist Toni Pellegrino e l’artista Michelangelo Jr Gandini, che apre un nuovo appuntamento d’arte nell’atelier di Toni Pellegrino, che si conferma sempre più un luogo pregno di senso estetico e di stimoli culturali, vivi e travolgenti, per la città di Catania.

Venerdì 27 Aprile il salone di Viale Africa 166 D ospiterà dunque “Rebus in fabula” la personale di Michelangelo Jr Gandini. La mostra sarà inaugurata con una performance dello stesso Gandini, insieme con Toni Pellegrino, che vedrà la partecipazione dell’attrice Nadia Spicuglia Franceschi, inoltre ad accompagnare la performance, e la serata, in note sarà Francesco Samperi alla consolle.

La mostra sarà il primo nucleo di un progetto artistico inedito che avrà ulteriori sviluppi nei prossimi mesi. Nelle opere si respira un senso lento di riscoperta dei particolari del quotidiano che sfuggono alla nostra attenzione e che l’artista ha saputo dislocare secondo una logica enigmatica tra i colori accesi dei suoi dipinti. Gli spettatori sono così invitati a giocare la loro partita tentando di risolvere il rebus e assaporando il piacere della consapevolezza di potersi rimpossessare del proprio tempo. 

Matita, biro e tempera sono gli strumenti utilizzati da Michelangelo che  formano la dualità dell’opera, la dimensione domestica è presente nelle opere intesa come uno spazio dilatato all’interno di un tempo forse troppo lento ma che cede il passo alla realtà contemporanea dove, cronaca, politica ed economia sono palpabili presenze. 

Un percorso fatto di indizi, ricordi, tracce lasciate su il bianco di una tela, gesti veloci, colori intensi un vortice che ti rimanda alle vibranti note del jazz, echi di musicisti, poeti, artisti, avventori e amici che Michelangelo ha amato e di cui le sue opere sono intrise.

La mostra sarà visitabile fino a 1 giugno negli orari di apertura del salone: da martedì a sabato, dalle 9 alle 19.

Michelangelo Jr. Gandini: pittore, scultore, autore, musicista e performer, ha eletto come tema della propria indagine artistica tutto ciò che è legato alla sopravvivenza. Ha esposto – e si è esibito – in teatri e gallerie in Italia e nel mondo. Tra gli altri, hanno scritto di lui: Achille Bonito Oliva, Philippe Daverio, Tommaso Trini, Alan Jones e Andrea G. Pinketts.

 

 

 

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: