Cartoline da Catania.

A partire dall’estate 2018, appena iniziata, proviamo con una semplice e non certo originale rubrica ad offrire costantemente delle istantanee sullo stato del decoro urbano del capoluogo etneo.

Come ‘eternamente risaputo dalla notte dei tempi’, ironia a parte, quello della pulizia e del senso civico erano e sono (augurandosi vivamente che a breve non lo saranno mai più) uno dei tanti, troppi talloni d’achille di una città dalle enormi potenzialità ma che, come capita a molteplici realtà del sud del mondo, vive di altrettante contraddizioni. Il fatto, poi, che sporcizia e rifiuti siano ormai un triste cliché di tante città italiane anche ben più grandi di Catania, Roma ne e’ l’esempio più lampante, non deve certo risuonare come un alibi. Anzi.

E così, nel modo più semplice ma anche più diretto che e’ appunto la fotografia, proveremo (umilmente) di volta in volta a segnalare, stimolare, incitare,invogliare ed invitare chi di dovere, istituzioni e cittadinanza in primis,a fare quel qualcosa in più per rendere più decoroso, più pulito, più ‘gradevole’ l’aspetto di una città nella sua totalità e non solo nelle zone più centrali di quest’ultima.

A colpi di ‘semplicissime’ istantanee iniziamo con una ‘galleria’ sullo stato attuale di un piccolo tratto di una parte della lunga circonvallazione.

Le immagini ‘parlano’ abbastanza chiaramente e lungi dalle ‘scontate’ e specifiche critiche a vecchie e neo amministrazioni comunali appena insediatesi, l’auspicio e’ che quanto prima Catania possa, decoro urbano parlando, essere un po’ più simile, perché no, a Zurigo. Sognare, in fondo, non costa nulla…

 

 

Questo slideshow richiede JavaScript.